domenica 28 ottobre 2012


E’ di scena una storia “alternativa”
Un nuovo divertentissimo show per raccogliere fondi per l’Oratorio

Un evento benefico sul palco del Teatro “Don Bosco” di Gualdo Tadino. E’ quello che avrà luogo giovedì 1° novembre, festa di Ognissanti, alle 21,15. Spettacolo, a dire il vero, circondato da un alone di mistero che lo ha già reso uno degli eventi più attesi della nuova stazione teatrale gualdese. Già andato in scena lo scorso 23 agosto nell’ambito di “Gualdo estate 2012”, con un buon successo di pubblico, in piazza Mazzini, sarà replicato – con molte, moltissime varianti – sul palco del Teatro “Don Bosco”, ma senza connotazioni certe. Il nome degli attori ed interpreti, infatti, non è noto. Circola voce di una fantomatica “Compagnia teatrale del mandarino”, ma voci di corridoio danno per probabile un improvviso cambio del cast. Neppure il titolo è sicuro. Alcune fonti recano come titolo dello spettacolo Stasera si replica, mentre, per altre, lo show non sarebbe altro che una trascrizione assai fedele di una nota opera di storia (tanto celebre che pochi la conoscono), recentemente edita dalle Edizioni accademia dei Romiti, dal titolo La storia di Gualdo in una mano. Da altre informazioni circolanti negli ambienti teatrali gualdesi ed eugubini, si sa che lo spettacolo potrebbe dare una nuova versione – su solide basi documentarie – di alcuni fra i più celebri eventi della storia di Gualdo Tadino, proponendone un’interpretazione assai differente da quella comunemente conosciuta, con particolare riferimento agli antichi Umbri e ai Romani. Pare, in particolare, che il testo getti nuova luce su una figura mitica, vale a dire Bastola, “l’inimica de li gualdesi”: finalmente si saprà se e come la presunta strega incendiò la città e le motivazioni, in particolare, del suo insano gesto. Ma null’altro di certo è trapelato sullo spettacolo, tanto che l’argomento potrebbe risultare estremamente diverso da quanto in precedenza preventivato o ipotizzato dalla ridda di voci che da mesi lo accompagna. L’unica cosa certa – e fa anche piacere conoscerla - è la seguente: il ricavato della serata sarà interamente devoluto a sostenere le attività dell’Oratorio di Gualdo Tadino. Per questo, gli organizzatori (L’Accademia dei Romiti, Arte & Dintorni ed Associazione “Educare alla vita buona”) invitano tutti “ad intervenire numerosi, portando con sé parenti, amici, conoscenti e non conoscenti”.

Nessun commento: